CPanel

Giustizia per tutti

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Anatocismo bancario. Breve storia.

|

L'anatocismo bancario è quella pratica , in uso nel recente passato  presso quasi tutte le banche italiane, secondo cui gli interessi a debito del correntista vengono liquidati con cadenza trimestrale mentre quelli a credito del correntista, con cadenza annuale. Ciò comporta la capitalizzazione a carattere trimestrale degli interessi dovuti alla banca che  vanno ad aggiungersi al capitale, producendo nuovi interessi (  interessi sugli interessi). Tale pratica, prima considerata lecita e possibile, solo negli ultimi anni è stata ritenuta illegittima in moltissime sentenze sia dei  giudici di merito che della Cassazione.

Leggi tutto...
 

SENTENZA DEL TRIBUNALE DI BARI VIETA ALLE BANCHE L'AMMORTAMENTO "ALLA FRANCESE"

|

Il  Tribunale di Bari (con sentenza del 29 ottobre 2008 n.113),  Sezione distaccata di Rutigliano,  ha statuito la nullità, ai sensi degli articoli 1283, 1284 e 1419 del codice civile,  della clausola inserita nel contratto di mutuo, stipulato  tra una Banca ed un privato, laddove nella sostanza prevede un interesse ultralegale in quanto consente alla banca di realizzare  una difformità a suo favore tra il tasso   pattuito nel contratto ed il tasso nella realtà poi effettivamente applicato dalla stessa  nel piano di ammortamento.  Questa sentenza è di sicuro "interesse" per il consumatore perchè fa finalmente  giustizia su una prassi praticata da quasi tutte le banche italiane nei contratti di mutuo. 

Leggi tutto...
 

LA "PORTABILITA'" DEL MUTUO

|
Con la legge Bersani-bis ( legge 2 aprile 2007 n.40) viene introdotto il principio della "portabilità" anche in materia di mutui bancari, di aperture di credito  e di altre forme di finanziamento concesse da intermediari bancari e finanziari. 
In pratica l'utente-consumatore ( ovvero il soggetto cd. "debole" del rapporto) ha la possibilità  di trasferire, senza spese,  il contratto ad un altro soggetto che offra ( o sembra offrire) condizioni contrattuali di maggior favore rispetto al precedente. L'art.8 della legge Bersani-bis, infatti, consente al debitore  di sostituire un nuovo creditore al vecchio, conservando l'originario contratto.  Trattasi in pratica del vecchio istituto della surrogazione per volontà del debitore di cui all'art. 1202 del  codice civile che viene per l'occasione rispolverato con l'aggiunta di una serie di condizioni legislative favorevoli al  debitore, quali l'esclusione di penali o di altri oneri di qualsiasi natura.
Leggi tutto...
 

La normativa del contratto di apprendistato

|

Il contratto di apprendistato è uno speciale rapporto di lavoro a “causa mista”, ovvero prevede l’alternanza lavoro-formazione: la prestazione del lavoratore viene infatti scambiata non solo con la retribuzione ma anche con la formazione professionale finalizzata all’acquisizione della qualifica per la quale è stato assunto.

Possono essere assunti con contratto di apprendistato giovani tra i 15 e i 24 anni, salvo eccezioni nelle quali il limite viene alzato a 26 anni,  quali ad esempio per le aree del mezzogiorno a declino industriale  oppure nel caso in cui  l’apprendista sia portatore di handicap. E sempre che tali lavoratori abbiano  assolto l’obbligo scolastico novennale, indipendentemente dal titolo di studio. Il requisito dell’età deve sussistere al momento dell’assunzione.

Leggi tutto...
 
banavv

Newsletter

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Diritto di Famiglia

Diritto Civile

Diritto Civile

.

Diritto dei Consumatori

Diritto dei Consumatori

.

Diritto Penale

Diritto Penale

.

Sottoscrivi Feed

Abbonati Gratuitamente ai nostri Feed RSS


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email