CPanel

Giustizia per tutti

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Ti trovi su GiustiziaPerTutti.com Civile Risarcimento danni RICONOSCIMENTO DEL DANNO MORALE PER I CITTADINI COSTRETTI A VIVERE IN UN AMBIENTE ALTAMENTE INQUINATO

RICONOSCIMENTO DEL DANNO MORALE PER I CITTADINI COSTRETTI A VIVERE IN UN AMBIENTE ALTAMENTE INQUINATO

La terza sezione civile della Cassazione con la sent. num. 11059 del 2009 ha riconosciuto, quale danno non patrimoniale, la sofferenza di chi è costretto a vivere in un ambiente altamente inquinato nella continua preoccupazione di un aggravamento della propria salute. Il danno morale riconosciuto dalla Suprema Corte consiste proprio nel “patema d'animo” provato da tutti quei cittadini che vivono, o hanno vissuto per un lungo periodo, in un ambiente contaminato da sostanze tossiche, quali ad esempio la diossina.

La Cassazione, nel caso di specie, ha riconosciuto ai cittadini che risiedono in prossimità dell'impianto di Seveso un risarcimento di 5.000 euro ciascuno quale danno morale per tutta  l'angoscia vissuta, dal 10 luglio 1976 ad oggi, a causa della nube tossica (carica di una delle più forti diossine conosciute) che fuoriuscì dagli impianti chimici della Società Elvetica Icmesa (Gruppo Givoudan-La Roche).
Questo danno,   ha sottolineato la Suprema Corte, ben può essere provato per presunzioni, essendo sufficiente la rilevante probabilità del verificarsi    dell'evento temuto,   per determinare la  sofferenza interna provata dalla costante preoccupazione di ammalarsi o di veder ammalare i propri figli ( risarcita dalla Corte ).

L’importo di 5 mila euro corrisponde, come hanno sottolineato i Giudici, «ad una valutazione prudenziale, se non addirittura minima del danno morale» patito.

La Corte  ha dunque respinto  il ricorso presentato dalla società che gestiva l'impianto stesso, che già subì anni fa una condanna penale per disastro ambientale e che insisteva nel rigetto della richiesta  risarcitoria dei cittadini ( già accolta in appello) in quanto mancava, a detta della società,  la prova della causalità tra la fuoriuscita della nube tossica e le malattie che iniziavano a diffondersi tra i residenti di quella zona e  non vi era in realtà alcuna prova di ripercussioni tra il disastro ambientale e la loro vita di sociale e di relazione.  
Ed infatti, ha sottolineato la Corte, ad essere stato risarcito ai cittadini, nella presente sentenza, non  è il danno biologico, ma quello consistente nella  sofferenza interna (  cosiddetto patema d’animo)  patita  dai cittadini proprio a causa della rilevante probabilità del determinarsi di malattie mortali. E questi 33 anni di sofferenza, giustamente,  non potevano non essere risarciti ( anzi, la liquidazione, a mio parere, è stata anche minima, assumendo più che altro un valore simbolico e di precedente) .

 
Ti trovi su GiustiziaPerTutti.com Civile Risarcimento danni RICONOSCIMENTO DEL DANNO MORALE PER I CITTADINI COSTRETTI A VIVERE IN UN AMBIENTE ALTAMENTE INQUINATO
banavv

Newsletter

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Diritto di Famiglia

Diritto Civile

Diritto Civile

.

Diritto dei Consumatori

Diritto dei Consumatori

.

Diritto Penale

Diritto Penale

.

Sottoscrivi Feed

Abbonati Gratuitamente ai nostri Feed RSS


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email