CPanel

Giustizia per tutti

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Ti trovi su GiustiziaPerTutti.com Famiglia Separazione e Divorzio Fare shopping compulsivo è motivo di addebito della separazione.

Fare shopping compulsivo è motivo di addebito della separazione.

 

Lo ha sancito la Suprema Corte di Cassazione  con la Sentenza n. 25842 del 18 novembre 2013 che ha  confermato   la decisione della  Corte di Appello ed ha dunque affermato  il principio secondo cui praticare  lo “shopping compulsivo”, sperperando il danaro di  famiglia,  è motivo di addebito della separazione perché comportamento contrario ai doveri coniugali di cui all’art 143 del codice civile.

I Giudici di Piazza Cavour hanno dunque confermato la Sentenza di addebito della separazione emessa dalla Corte d’Appello  sulla base anche di una perizia  medica disposta dal Tribunale Civile, che aveva  accertato, in capo alla moglie, la sussistenza di una vera e propria  patologia in merito all’uso  impulsivo del denaro guidato dall’ossessione all’acquisto di beni di varia natura.

 

L’esistenza della  patologia, però, riconosciuta dal C.T.U.,  non è stata considerata dalla  Corte un’esimente all’addebitabilità della separazione in capo alla moglie e ciò in quanto la donna era perfettamente conscia della sua patologia e del  suo comportamento conseguente e la  perizia medica ha escluso l’incapacità di intendere e volere della donna , sussistendo solo un impulso compulsivo allo shopping da ritenersi, sì,  un disturbo della personalità ma non sufficiente ad  escludere la   imputabilità dell’addebito.  Accertata l’imputabilità, la Corte ha dunque  ritenuto essere condotte contrarie ai doveri del matrimonio, quelle poste in essere  dalla donna , ovvero il furto o  la sottrazione di denaro al coniuge ed ai parenti per l’acquisto di una grande quantità di oggetti di rilevante valore, consumando le risorse destinate alla famiglia. Ed infatti, ai sensi dell’art. 143 del condice civile,   è certamente  una violazione del dovere di collaborazione nell’interesse della famiglia, il comportamento del coniuge che,  sottraendo risorse alla famiglia, compie acquisti personali assolutamente ingiustificati.  

 
Ti trovi su GiustiziaPerTutti.com Famiglia Separazione e Divorzio Fare shopping compulsivo è motivo di addebito della separazione.
banavv

Newsletter

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email

Diritto di Famiglia

Diritto Civile

Diritto Civile

.

Diritto dei Consumatori

Diritto dei Consumatori

.

Diritto Penale

Diritto Penale

.

Sottoscrivi Feed

Abbonati Gratuitamente ai nostri Feed RSS


Aggiornati via email

Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email